Post più popolari ultima settimana

sabato 8 aprile 2017

Il Sovrintendente Polo conferma sul nuovo allestimento del "Nabucco", ma ritratta sulla versione in co-produzione con il Marinskij - Rassegna Stampa - 7 aprile 2017



Arena, Polo conferma l’impegno sul Nabucco
Rassicurazioni ai sindacati: il regista al lavoro per la prima. Resta il dubbio sui russi

venerdì 7 aprile 2017

VERONA Poco più di una settimana e i dubbi sulla co-produzione, o su altre possibili forme di collaborazione, tra Fondazione Arena e Teatro Mariinskij potrebbero essere sciolti. Questo perché entro una decina di giorni, l’ente presenterà l’intero cast, e la nuova produzione, del Nabucco chiamato ad inaugurare il 95° festival lirico estivo. Con ogni probabilità lo farà all’interno di una conferenza stampa che servirà anche a fare un po’ di chiarezza sui rapporti e sulle alleanze tra il teatro veronese e quello russo. Di certo si sa che, in questi giorni, Arnaud Bernard, il regista cui è stata affidata la nuova messa in scena dell’opera, è stato in Fondazione per presentare i bozzetti del suo Nabucco e che i laboratori dell’Arena sarebbero già all’opera per realizzare quanto previsto dal progetto artistico.

I lavori per la nuova produzione, così come previsto dal piano di risanamento presentato dal commissario Carlo Fuortes, starebbero procedendo. Da capire se con, o indipendentemente dal Mariinskij, visto che il teatro russo ha detto al Corriere di Verona di non avere in atto coproduzioni con l’Arena per l’anno in corso. Lo stesso teatro, tuttavia, non ha escluso di poter produrre qualcosa insieme nel 2018, né altre forme di collaborazione meno complesse. Nei giorni scorsi, però Fondazione Arena, ha ribadito come rimanessero in piedi tutte le ipotesi di collaborazione tra i due teatri.


Qualche delucidazione in più era attesa dall’incontro che, ieri, il sovrintendente Giuliano Polo ha avuto con le organizzazioni sindacali. Tuttavia, al termine dell’incontro non ci sono state dichiarazioni ufficiali. È emerso, però, che il sovrintendente avrebbe confermato quanto già presentato ai sindacati e ai giornalisti, all’inizio di marzo, ribadendo l’impegno assunto nei confronti del teatro. Solo che, allora, Polo aveva presentato il nuovo Nabucco come una coproduzione tra Arena e Mariinskij, affidata alla regia di Bernard. E se le indicazioni confermano l’impegno del regista nel condurre la nuova produzione, si sono perse le tracce, invece, di una possibile produzione congiunta tra le due istituzioni. Le organizzazioni sindacali, dopo l’incontro di ieri, si sono limitate a dire di aver accolto con soddisfazione la conferma degli impegni presi da parte del sovrintendente e che, nel momento in cui l’impegno si trasformerà in atti formali, per l’Arena sarà un passo importantissimo. L’incontro di ieri è, poi, proseguito su temi più strettamente sindacali: si è tornati a parlare di esternalizzazione di servizi, tra cui quelli di biglietteria e portierato. Ipotesi che non ha trovato, com’è ovvio, l’entusiasmo delle parti sindacali, ma su cui un accordo non è lontano.

Samuele Nottegar

Nessun commento:

Posta un commento