Post più popolari ultima settimana

Post più popolare ultimo mese

martedì 14 marzo 2017

Rassegna Stampa - 14 marzo 2017


Lirica, faccia a faccia tra parlamentari e sindacati. Pressing su legge Bray e difesa da privatizzazioni

martedì 14 marzo 2017


VERONA Un incontro tra i parlamentari veronesi di tutti i partiti e le organizzazioni sindacali. Al centro, il futuro di Fondazione Arena. Da una parte le preoccupazioni dei sindacati, determinate anche dalle complessità economiche di gestione del teatro e dalla stagione estiva ormai imminente, e dall’altra la volontà di impegnarsi da parte dei parlamentari veronesi a favore della fondazione lirica cittadini. Un tavolo a porte chiuse, che si è tenuto all’hotel San Marco, al quale hanno partecipato i segretari provinciali di tutte le sigle sindacali, assieme agli esponenti del Pd Vincenzo D’Arienzo, Alessia Rotta e Davide Zardini, ai parlamentari del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo e Mattia Fantinati, e ai senatori Paolo Tosato della Lega e Stefano Bertacco di Forza Italia. L’incontro è servito per fare il punto sulla questione legge Bray: com’è noto Fondazione Arena ha chiesto di accedere allo stanziamento, da 10 milioni di euro, già lo scorso giugno e l’iter di approvazione è ancora in corso. Altro nodo, la «privatizzazione» del teatro. Il sovrintendente Giuliano Polo, le settimane scorse, ha affermato come non sia possibile una gestione del teatro diversa da quella pubblica. Allo stesso tempo, tuttavia, è in discussione, in Parlamento, la legge di riforma degli spettacoli dal vivo che qualche novità dovrebbe introdurla, soprattutto per favorire fondazioni liriche più efficienti e snelle. I parlamentari scaligeri hanno ribadito il proprio impegno a favore dell’Arena. In particolare, a quelli di maggioranza, è stato chiesto un rapporto più stretto con il Ministero.

Samuele Nottegar

Nessun commento:

Posta un commento