Post più popolari ultima settimana

martedì 7 febbraio 2017

"Tosi offende l'intelligenza dei veronesi.. L'Arena resiste a pioggia e gelo da 2000 anni. Il Sindaco dica la verità, la copertura serve a far cassa con il raddoppio delle sere in Arena". - Giuliana Cavalieri Manasse, per 35 anni Sovrintendente del nucleo operativo veronese Beni Archeologici del Veneto, si esprime sul progetto di copertura dell'Arena - Rassegna Stampa - 7 febbraio 2017


«Dire che l’Arena si salva coprendola offende l’intelligenza dei cittadini»
L’ex soprintendente: «Resiste a pioggia e gelo da 2000 anni. Forse serve per fare cassa...»

7 febbraio 2017

L’ex soprintendente Giuliana Cavalieri Manasse interviene nel dibattito sulla copertura dell’Arena.
E dice: «Sostenere che serve per salvare il monumento da pioggia e gelo significa offendere l’intelligenza dei cittadini veronesi».
Il progetto tedesco vincitore del concorso per la
copertura dell'Arena di Verona
«Coprire l’Arena? Ma perché non s’inizia a toglierla dal degrado, a ripulirla dall'immondizia stratificata al suo interno?». A entrare nel dibattito sul progetto di copertura per l’anfiteatro romano di Verona, è Giuliana Cavalieri Manasse che l’Arena la conosce bene visto che è stata per 35 anni responsabile del nucleo operativo veronese della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Veneto (per inciso abolita dalle recenti riforme del governo Renzi).

E l’archeologa rivolge un invito accorato all’imprenditore Sandro Veronesi che ha finanziato il concorso di idee: «Perché non va a farci un giro dentro adesso che è libera dalle strutture per lo spettacolo? Troverà strati di rifiuti, lattine, cartacce, bottiglie, cavi elettrici penzolanti dismessi, abbandonati da tempo, pietre sporche di morchia. Evidentemente la pulizia dopo la stagione estiva non viene fatta, o solo in piccola parte. A me si è stretto il cuore a vederla così. Visto che Veronesi è disposto a un’erogazione tanto generosa, non stralcerebbe 50mila euro o anche meno per tenere pulito l’anfiteatro, a gloria della sua amata città?».

Dottoressa Manasse, ma la copertura è un’idea percorribile o no?
«Non si può rispondere senza partire da una domanda: a cosa serve una struttura simile? L’Arena è in tali condizioni di degrado strutturale da necessitare un intervento cui si ricorre in extremis a fronte della perdita del bene? Se sì l’intervento è comunque giustificato, anche se snatura le caratteristiche del bene stesso, la sua immagine consolidata nei secoli e il contesto che lo circonda. In questo caso la copertura dovrebbe essere permanente. Se no l’intervento è non solo inutile, ma gravemente dannoso, poiché incide pesantemente sulle sue strutture e ne stravolge l’aspetto».

L’Arena allora ha bisogno o no di un simile intervento di tutela?
«Io credo che lo stato del monumento non sia così tragico da giustificare una copertura, nemmeno calcolando l’avanzare del degrado in una prospettiva di lungo termine. Tutti gli edifici antichi sino a oggi conservati sono soggetti a pioggia, gelo, sole e vento, e la maggior parte di essi è assai più fragile, penso al Partenone, a Pompei o Paestum, ma non s’è mai parlato di coprirli».

Dal punto di vista estetico e funzionale come le sembrano i progetti selezionati dal concorso?
«Quello vincitore non è nemmeno male, ma non è questo il punto: senza la pubblicazione del progetto esecutivo non si può valutare. Può darsi siano stati risolti problemi come il modo di ancorarsi, come si nascondono le strutture sotto l’anello, come sarebbe l’impatto visivo da sotto, dal punto di vista delle gradonate, quale il costo annuale per la sua manutenzione, e la resistenza a eventi metereologici forti come trombe d’aria. Oppure che debbano essere risolti in fase esecutiva».

Ma servirebbe effettivamente a proteggere l’Arena?
«Se quello fosse lo scopo, il monumento andrebbe collocato sotto un pallone e non sotto una copertura aperta alla bisogna in tempo di spettacoli. La manutenzione con una struttura come quella presentata andrebbe comunque fatta ancora, sia all’interno, dove avrebbe per effetto solo di riparare le teste degli spettatori, che all’esterno dove il paramento sarà sempre soggetto alle intemperie».

Quanto costa la manutenzione dell’Arena?
«La sua manutenzione non costa nemmeno il milione l’anno di cui si è parlato. I 14 milioni sono quelli stanziati per l’Art Bonus da Fondazione Cariverona e Unicredit, destinati in parte alla manutenzione e in parte alla funzionalità dello spettacolo che prevede ad esempio il rifacimento degli impianti elettrici».

Cosa si sente di dire al sindaco Flavio Tosi, entusiasta e sostenitore di questo progetto di copertura?
«L’Arena ha circa 2020 anni, ha retto a terremoti, incendi, alluvioni, spogliazioni continue e crolli, con la cavea denudata per molti secoli e ripristinata tra il 1871 e il 1879. Eppure l’anfiteatro ha sopportato tranquillamente sole e maltempo, bombardamenti, ha sostenuto e sostiene gli attacchi vandalici degli operai dell’Ente Lirico oggi Fondazione Arena. E ciò certo non è stato grazie ai restauri di cui è stata fatta oggetto da poco più di una ventina di anni, sostanzialmente opere di lifting. Il sindaco lasci stare la pioggia e il gelo e dica la verità, sarebbe meno ridicolo e meno offensivo per l’intelligenza dei suoi concittadini. Deve far cassa e la fa come può, con la vendita dei palazzi storici, dell’Arsenale, con il raddoppio delle serate in Arena, con la copertura della medesima. Non nascondiamoci dietro un dito».

Cavalieri Manasse Credo che lo stato del monumento non sia così tragico da giustificare una copertura, nemmeno calcolando l’avanzare del degrado a lungo termine

2 commenti:

  1. Tosi da sempre offende l'intelligenza dei veronesi! È palese che la copertura ha solo scopo di lucro (privato) dEl sig calzedonia, di Tosi è amici vari. Vergogna

    RispondiElimina
  2. L'opera lirica in Arena si fa dal 1913, ed il monumento è ancora in piedi. I tecnici della Fondazione Arena che da anni operano all'interno del monumento, fanno il loro lavoro nel pieno rispetto delle norme e regole imposte dalla sovrintendenza ai beni archeologici, forti delle competenze e dell'esperienza acquisita nell'operare per un teatro che non ha eguali al mondo. Qualcuno si domandi quanti e quali danni fanno gli eventi di musica pop. Io stesso da dipendente ho assistito in uno dei Gala Rai degli ultimi anni alla presenza di enormi e potenti subwoofer dentro gli arcovoli dell'Arena che sparavano durante lo show i suoni a bassa frequenza attraverso le pietre dell'Arena in alto verso i gradoni.
    Ma gli eventi di musica pop sono un bel business, mentre il teatro che con l'opera, il balletto e la musica orchestrale rappresentano cultura, per qualcuno sono solo una bella rottura di palle. Per dirigere un teatro ci vogliono competenze artistiche e capacità imprenditoriali. Per invitare Zucchero per 12 sere in Arena bisogna esser solo bravi ad incassare.

    RispondiElimina