Post più popolari ultima settimana

domenica 5 febbraio 2017

Caro Veronesi, il problema dell'Arena è la Fondazione - da Vvox.it


Caro Veronesi, il vero problema dell’Arena è la Fondazione
C'è urgente bisogno di coprire l'anfiteatro? L'imprenditore di Calzedonia, che è già sponsor, si concentri piuttosto sulle priorità reali

4 febbraio 2017 - di Alessio Mannino

«A me basta aver posto il problema di un Paese, e di una città, che non possono morire di immobilismo, limitandosi a ibernare il proprio patrimonio». Sandro Veronesi, l’imprenditore di Calzedonia, sulla Repubblica di ieri ha spiegato così l’iniziativa di sponsorizzare con 100 mila euro il concorso bandito dal Comune di Verona per coprire con un velo l’Arena, vinto dallo studio tedesco Rti SBP & GMP con un progetto del costo di 13 milioni di euro, che lui è disposto a sostenere anche per intero.

L’altro giorno su questo quotidiano online Cesare Galla analizzava l’idea, al netto del dettaglio progettuale, sine ira ac studio, facendo emergere il chiaro e lo scuro ma sulla base di un solo criterio: si usufruirà meglio o peggio del monumento di origine romana (che, sottolineava oggi sul Corriere del Veneto il suo conservatore Sergio Menon, è meno romana di quel che si pensi, essendo stata radicalmente risistemata nella cavea fra Cinque e Seicento)? Che garanzie darà sul rumore e sul possibile e fastidioso “effetto serra”? Se è da provinciali rifiutare a priori qualsiasi intervento, è anche peggio perdere di vista l’esigenza fondamentale riguardo gli edifici antichi: il rispetto del loro stato e dello scopo per cui sono stati pensati. A differenza del Colosseo, l’Arena scaligera ospita ancora spettacoli (musicali). Serve o non serve davvero metterci un cappello sopra, visto che i soldi che si perdono a bilancio causa pioggia rappresentano una quota dello zero virgola?

Se la risposta è che è utile, sarebbe tecnicamente agire. Il resto è fare (e ogni riferimento al movimento politico del sindaco Flavio Tosi è puramente casuale, ma forse no). Fare per finalità che non c’entrano con quelle proprie dell’oggetto in questione. Combattere l’immobilismo non è una buona ragione, perchè se lo fosse, con questo metro ci si potrebbe inventare qualsiasi cosa, anche ricostruire completamente l’Arena, farla come nuova, passando dal restauro conservativo a quello innovativo, anzi creativo; ma eliminando così la storicità, il concetto stesso di antico, la possibilità di contemplare il passato. Che invece va preservato e usato con precisi limiti. Modificato quel tanto che basta perchè si perpetui nel tempo.


Nessuna preclusione, dunque: meglio un privato mecenate che un privato che se ne frega. Tuttavia, proprio per questo, nella schiera dei contrari ha ragione Michele Croce: piuttosto che velare l’Arena, Veronesi dia una mano a rimettere in piedi la Fondazione Arena, ben più disastrata dell’anfiteatro (qui un approfondimento di Vvox). C’è bisogno molto più urgente di chi salvi i contenuti (Veronesi finanzia già la stagione estiva), piuttosto che spendere sul contenitore. Sappiamo tutti che intestarsi un’opera di grande impatto è più cool, fa più marketing territoriale, è in un certo senso più easy, ma la priorità, adesso, è un’altra. Non vorremmo finire col dar ragione a chi, come Sgarbi, pensa che il velo areniano sia come la Corazzata Potëmkin di fantozziana memoria. Ma siamo tentati.

1 commento:

  1. Ma con la copertura quanti bei soldini entreranno nelle tasche "private" del "mecenate Veronesi",di Tosi è company? Nessuno si pone questa domanda? Si farà la sauna, l'acustica andrà a farsi fottere, tutte cose di nessun conto x i concerti rock! Il problema serio è la Fondazione? Ma costoro hanno tutto l'interesse che affondi del tutto! Veronesi è stato paragonato a Dalla Valle, piccolo particolare : Dalla Valle ha messo un tot di milioni x Opere di RESTAURO del Colosseo; Veronesi ha fatto un bando pervuole l'Arena e rovinarla x sempre. I costi x la copertura non li sosterrà lui, ma noi cittadini! Il tutto a scopo di lucro personale. Vergogna è meglio che faccia calze e mutande possibilmente migliorandone la qualità!

    RispondiElimina