Post più popolari ultima settimana

martedì 11 ottobre 2016

Maggio Musicale, nuovo ricollocamento in Ales per 30 dipendenti - da Repubblica.it

Maggio, mobilità e trasferimento per 30 addetti

Saranno ricollocati in Ales, la società del Mibact

Francesco Bianchi
10 ottobre 2016 - Mobilità con successivo ricollocamento in Ales, la società del Mibact, per un numero variabile "tra 25 e 30 addetti" del teatro del Maggio musicale fiorentino. Ad annunciare la procedura, oggi, il sovrintendente dell'ente Francesco Bianchi, a seguito, ha spiegato, delle sentenze che, dopo la pronuncia della Consulta sulla stabilizzazione dei lavoratori nelle fondazioni lirico-sinfoniche, hanno stabilito il reintegro di 26 dipendenti allontanati dal Maggio.

"L'iter è partito e le organizzazioni sindacali sono state avvertite - ha detto Bianchi - il numero esatto delle persone che verranno riposizionate in Ales non possiamo indicarlo, perché sarà oggetto della trattativa con le sigle dei lavoratori".

Il sovrintendente ha spiegato che "non necessariamente i lavoratori che verranno ricollocati saranno quelli reinseriti in teatro dopo le sentenze della suprema Corte", e ha sottolineato che coloro che affluiranno in Ales "vedranno, mediamente, il loro stipendio aumentato; inoltre nei casi di contratto a tempo parziale o determinato, ci sarà la trasformazione a tempo indeterminato e pieno".

Ales, ha aggiunto Bianchi, "ha necessità di questo personale da disporre nel territorio fiorentino in tempi brevissimi: il tempo indicato è la metà di novembre". Il sovrintendente ha spiegato di augurarsi che questa "operazione possa concludersi rapidamente con la collaborazione di tutti: spero nella ragionevolezza, lo dico ai sindacati".

"Con questa misura possiamo tornare a guardare al pareggio di bilancio come prima delle sentenze della Corte costituzionale, mentre l'ingresso effettivo di 26 avrebbe sballato tutte le prospettive - ha aggiunto Bianchi - senza il pareggio di bilancio, lo vogliamo ricordare, si applicheranno una serie di misure negative: non riconoscimento dei premi previsti contrattazione aziendale, la riduzione di attività, la chiusura temporanea o stagionale, la trasformazione di parte del personale da tempo pieno a tempo parziale"

Nessun commento:

Posta un commento