Post più popolari ultima settimana

Post più popolare ultimo mese

mercoledì 3 agosto 2016

Ecco il PIANO di RISANAMENTO della Fondazione Arena di Verona - Lo smantellamento del Teatro inizia dal Corpo di Ballo

E' stato consegnato ieri ai Sindacati il Piano di Risanamento ex legge 112/2013 e 208/2015 della Fondazione Arena di Verona, che prevede quanto già presentato e previsto al tavolo delle trattative dal commissario Carlo Fuortes.

Il piano sostanzialmente si basa sull'estinzione di buona parte dei debiti con fornitori e artisti attraverso i finanziamenti provenienti dalla legge Bray (10 milioni di euro che la Fondazione restituirà in trent'anni con un tasso agevolato), mentre per il rimanente debito si recupererà attraverso la riduzione del costo del personale mediante azioni condivise con un accordo sindacale quali:
  • la riduzione dell'attività invernale di due mesi all'anno per i prossimi tre anni
  • il prepensionamento del personale che rientra nei requisiti pre-Fornaro con l'ipotesi dell'estensione fino al 31/12/2018
  • la cessazione della clausola Full time per il personale aggiunto del Festival Estivo in Arena,
  • la cessazione e rinegoziazione del Contratto Integrativo Aziendale entro il 30/11/2016 
Il Piano di Risanamento prevede inoltre al di fuori dell'accordo siglate con le O.O.S.S. e quindi come decisione unilateralmente dalla Direzione di FAV la

CESSAZIONE DELL'ATTIVITÀ
DEL CORPO DI BALLO

attraverso procedura di mobilità ex legge 223/1991 e/o campagna di incentivazione all'esodo.

Di seguito l'intero testo del Piano di Risanamento FAV:


Nessun commento:

Posta un commento