Post più popolari ultima settimana

Post più popolare ultimo mese

giovedì 14 luglio 2016

Rassegna Stampa - 14 luglio 2016









FONDAZIONE ARENA
Ministero contro il Tar 
La lirica perde 2,5 milioni
giovedì 14.7. 2016 CRONACA, p. 12 


Il ministero allo Spettacolo e ai Beni culturali, ha detto il commissario Carlo Fuortes nell'incontro di martedì con i sindacati, ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che restituisce a Verona due milioni e mezzo (1,5 per il 2014 e uno per il 2025) di finanziamenti del Fus, il Fondo unico per lo spettacolo.La prima conseguenza di tale ricorso è che, di fatto, esso blocca l'esecutività della sentenza. Tuttavia, il commissario governativo chiamato a far quadrare i conti della Fondazione Arena non ha drammatizzato questa decisione da parte del ministero.

Il mancato arrivo di questi soldi, però, qualche difficoltà in più la aggiunge. «Una doppia beffa, visto che il Comune, dopo la sentenza favorevole del Tar, aveva deciso di annullare un primo finanziamento per un milione e mezzo di euro», afferma Paolo Seghi della Cgil.Nel 2015 la Fondazione Arena aveva beneficiato di 11milioni e 388mila euro di Fus, 882mila in meno (il 7,2 per cento) rispetto al 2014, anno che aveva registrato un taglio di ben un milione e 283mila euro, pari al 9,5 per cento, rispetto al 2013. Tagli, si è fatto spesso notare, superiori a quelli che hanno colpito altre istituzioni culturali come la Fenice di Venezia, il Regio Teatro di Torino e il Maggio Fiorentino.oE.S.




Fondazione Arena,
Ministero blocca finanziamento 2,5 milioni

14 luglio 2016

Il Tar del Lazio aveva riconosciuto alla Fondazione Arena 2,5 milioni di euro in più nella ripartizione del Fondo Unico dello Spettacolo (Fus). Stando a quanto riporta il Corriere del Veneto, come si temeva, il Ministero dei Beni Culturali ha bloccato il finanziamento ricorrendo al Consiglio di Stato. Operativamente non cambia nulla – il commissario Carlo Fuortes aveva infatti lasciato prudentemente fuori dal bilancio 2015 la cifra –, ma l’emergenza-liquidità si inasprisce.


Il ricorso del Ministero era atteso poiché il Tar era entrato nel merito dei criteri di assegnazione dei fondi nel triennio 2014-16, durante il quale l’Arena ha subito una decurtazione della mano statale per 2,7 milioni di euro. Ora bisognerà attendere il pronunciamento del Consiglio di Stato, che potrebbe arrivare anche in tempi non brevi. Possibile un nuovo intervento del Comune? Quando il bilancio 2015 venne ripianato da uno stanziamento straordinario di Palazzo Barbieri – 1,5 milioni di euro – Tosi aveva promesso di raddoppiare la cifra, come richiesto dal Pd, «solo se ce ne sarà bisogno».

Nessun commento:

Posta un commento