Post più popolari ultima settimana

venerdì 13 maggio 2016

Verona e gli affari del sindaco Tosi con il suo assessore - daLavoratori e Lavoratrici in lotta a Verona

Questo articolo riporta un estratto dal nuovo libro di Marco Lillo, che racconta il “sistena Verona”. In apparenza lo stralcio non tacconta niente di collegabile direttamente alla vicenda di Fondazione Arena, se non che, in un passaggio, l’autore cira Giovanni Maccagnani: “consigliere di Cariverona e fedelissimo avvocato del sindaco”. Maccagnani non è però solo questo; infatti è uno dei tre firmatari della proposta “privatistica” riguardanre la gestione di Fondazione Arena. Vista la vicinanza dei due personaggi ci chiediamo quale sia l’interesse del sindaco, vista la tenacia con la quale difenfe il ptogetto nel quale è impegnato il suo amico e avvocato! Semplice e disinteressato amore per la città? Vigileremo sugli sviluppi…


Va altresì ricordato che gli altri due firmatari, l’imprenditore Manni e l’avvocato Lambertini, fino a qualche anno fa sedevano nel Consiglio di amministrazione di Fondazione Arena, ed erano quindi delegati, e forse anche pagati, per gestire al meglio un bene pubblico. Fa specie trovarli oggi nelle vesti di scippatori (probabilmente loro userebbere l’aggettivo salvatori) dello stesso bene!

Dalla furiosa litigata di quattro anni fa con l’ex moglie agli immobili dell’Ariel srl nel cuore della città scaligera





di Marco Lillo | 13 maggio 2016

Pubblichiamo un estratto del libro “Il potere dei segreti” di Marco Lillo, edito da Paper first. Oggi alle 18 la presentazione alla Libreria Feltrinelli di via Quattro Spade a Verona. Parteciperanno l’autore e Michele Bertucco. Per motivi di salute non potrà essere presente il direttore de ilfattoquotidiano.it Peter Gomez 

Il 7 aprile 2012, a pochi giorni dalle elezioni, Stefania Villanova – moglie di Flavio Tosi, ora separata dal sindaco – è protagonista di una scenata memorabile. All’una di notte si piazza davanti alla villetta dove vive Tosi e, grazie a un investigatore munito di telecamera, filma l’uscita di una ragazza, molto nota a Verona, che lei presume sia l’amante del marito. Quando questa esce dal garage in auto in compagnia di un’altra donna, Stefania la blocca, la costringe ad abbassare il finestrino e la insulta. Il sindaco se ne sta rintanato nell’abitazione, evitando accuratamente di essere coinvolto in quella piazzata. Stefania, furiosa, entra allora nel villino e continua a registrare all’insaputa del sindaco i suoi animati colloqui.

Lei sbraita e minaccia di raccontare pubblicamente tutto della vita privata di Tosi: del fatto che la trascuri e dei presunti tradimenti con la ragazza, definita con tono dispregiativo “la Moana dei pori can” (Moana Pozzi dei poveri cani). Gli chiede conto poi (…) degli affari con l’assessore Enrico Toffali. La Villanova potrebbe fare scoppiare uno scandalo pubblico, prima delle consultazioni comunali, con un possibile effetto negativo sui consensi nel mondo cattolico, vicino al primo cittadino uscente.

Come finisce la storia? I diretti interessati non ne vogliono parlare. Da circa tre anni i coniugi sono separati di fatto. Le registrazioni audio e video di quella infuocata nottata del 7 aprile 2012 verranno poi mostrate al giornalista Sigfrido Ranucci quando lavora nel 2014 sul tema della ricattabilità di Flavio Tosi. Ranucci, quando viene sentito dalla Procura di Verona, in seguito alla puntata di Report in cui va in onda la sua inchiesta, informa gli investigatori dell’esistenza dei filmati (…). Chi è questo Enrico Toffali di cui parla la Villanova?

È un avvocato di 65 anni, già consigliere comunale ad Affi e assessore a Rivoli Veronese. Successivamente, diventa per otto mesi presidente della municipalizzata dei rifiuti Amia Verona Spa e della Serit per poi essere nominato assessore del Comune scaligero con delega alle aziende e agli enti partecipati in entrambe le giunte Tosi. Contitolare di quello studio legale Toffali e Capuzzo & Associati con sede a Verona che dal 2007 al 2014 incassa 570 mila euro per parcelle da varie società partecipate dal Comune.

Non solo. Tosi è socio al 95 per cento della società immobiliare Ariel Srl. Il restante 5 per cento è intestato alla moglie di Toffali, Daniela Arduini, che ne è amministratrice unica. Il segretario della Srl, nell’assemblea per l’approvazione del bilancio del 2014, il 28 maggio 2015, è Giovanni Maccagnani, consigliere della Cariverona e fedelissimo avvocato del sindaco, insieme con lo stesso Toffali (…). La storia di questa società è un po’ intricata. Flavio, infatti, il 12 aprile 2010, compra le quote dalla figlia (30 per cento) e dalla moglie di Toffali (65 per cento). Il prezzo complessivo dell’acquisto è pari a 400 mila euro: nell’atto è riportato che i familiari dell’assessore hanno effettuato un finanziamento alla Ariel di un importo equivalente.

Tosi subentra, per effetto dell’acquisto, in ogni diritto di credito spettante alle due donne rispetto alla società. Inoltre, non salda tutto subito. Sempre nell’atto viene riportato che madre e figlia danno quietanza al sindaco del pagamento di 180 mila euro (…) e che lo stesso resta debitore di ulteriori 220 mila che si impegna a trasferire entro il 15 aprile 2012, un mese prima della riconferma di Toffali come assessore. La Ariel Srl possiede la nuda proprietà di otto unità immobiliari: quattro appartamenti, un magazzino, un negozio, una veranda e un’area urbana in un palazzetto in via Monte Ortigara a due passi dall’Ospedale Maggiore di Verona. L’usufrutto è dell’anziana suocera dell’assessore, che ha 93 anni, mentre la nuda proprietà, fino al 7 aprile 2010, è della Arduini. Quel giorno la moglie di Toffali cede la nuda proprietà degli immobili alla Ariel. Infine cinque giorni dopo lei e la figlia cedono il 95 per cento della società a Tosi.

Fonti vicine al primo cittadino fanno sapere che “non c’è nulla di male nella società Ariel. Tutto in chiaro, fatto con bonifici e atti notarili e con mutui registrati”. La Ariel Srl di Tosi infatti deve restituire un prestito di 200 mila euro ottenuto da Unicredit nel dicembre 2010 e da rimborsare a rate fino alla fine del 2025. (…) Stefania Villanova non vuole rilasciare dichiarazioni (…) Quando le domandiamo della questione del video dell’investigatore privato dell’aprile 2012, prima accenna: “Io mi ero già lasciata da mio marito. Non ne so nulla. Non conosco l’investigatore privato”. (…) Mentre lo stesso investigatore privato, contattato dall’autore, replica: “Non possiamo parlare dei servizi svolti per i nostri clienti (…). Io ho il segreto professionale. Non giochi con il mio lavoro”.

2 commenti:

  1. INTERESSANTE!!!!Ma quando finalmente questo intrallazzatore pagherà per tutte le sue porcherie? Maccagnani e Bolis sono così potenti da riuscire a far insabbiare sempre tutto? Certo hanno un buon aiuto da parte dall'insabbiatore Schinaia.....

    RispondiElimina
  2. Ma è talmente evidente l'interesse del grande Flavio!... lui ama l'opera è i suoi amichetti pure!!!! A proposito di opera,come mai vengono fatte miliardi di polemiche quando ci sono in Bra le scenografie delle opere e non si dice nulla x i diversi tir,gru, macchinari vari che stazionano in Bra x i concerti rock? Come stamattina x il concerto di Gianna Nannini. Questa visione era a dir poco indecorosa, non le scenografie!

    RispondiElimina